Istruzione Università e Ricerca: innovazione e Internazionalizzazione. I nostri propositi.

– Quali proposte per favorire il finanziamento all’innovazione tecnologica  da parte di privati -italiani e non– ad università e centri di ricerca? E quali  per facilitare la cooperazione fra PMI per la realizzazione di  progetti innovativi?

– Quali misure per cancellare  e comunque drasticamente arginare il fenomeno storico dei finanziamenti ‘a pioggia’ alla ricerca?

– Quali strumenti e  meccanismi per garantire maggiore semplicità e rapidità nel passaggio tra formazione (soprattutto universitaria) e mondo del lavoro? In particolare, quali misure  per  ridurre il ritardo, in media di due   anni  , con il quale  i giovani laureati italiani si affacciano sul mercato del lavoro rispetto ai loro colleghi europei ? E quale posizione sulla possibile differenziazione dell’istruzione superiore di secondo livello tra università e  centri di eccellenza ai quali accedere per concorso (sul modello delle ‘grandes écoles’ francesi), e istituti tecnici che forniscano competenze pratiche e prevedano un’alternanza tra scuola e impresa? Quali misure a livello scolastico, per contrastare il nostro  storico deficit di alfabetismo scientifico e tecnico?

– Quali misure per rafforzare la scarsa  internazionalizzazione della nostra università?

– Qual tipo di sostegno, e con quali risorse, per il Programma Erasmus, recentemente minacciato di scomparsa? Quali iniziative per attrarre visiting scholars esteri ; e quali, viceversa ( e con quali risorse),  per  facilitare il rientro in Italia dei nostri ‘cervelli’  che  si siano  distinti all’estero? Quali  specifiche misure per potenziare l’ apprendimento  di lingue straniere nella scuola dell’obbligo